Home vivere sani longevità La dieta della longevità: Regola 4

La dieta della longevità: Regola 4

4 min read
0
0
422
Scegliere sempre di mangiare gli stessi alimenti che mangiavano i nostri genitori e i nostri nonni
Fa un regalo a tutti i tuoi contatti: condividi con loro le regole per star bene.

Per vivere a lungo senza malattie: scegliete i vostri alimenti tra quelli che mangiavano i vostri antenati

Tratto dal libro “La dieta della Longevità” del Dott. Valter Longo. Guarda scheda su Amazon

Quindi, se nella regola 3 abbiamo sottolineato come sia necessario cibarsi di una varietà di alimenti, in modo da assumere tutti i nutrienti necessari, la cosa migliore è ottenere questi nutrienti da alimenti normalmente presenti sulle tavole dei nostri genitori, nonni e bisnonni.

Il corpo umano è il risultato di miliardi di anni di evoluzione, ma anche soltanto gli ultimi 1.000 hanno contribuito a selezionare gli individui più adatti al loro ambiente e i cibi più appropriati per i genotipi (il genotipo è l’insieme dei geni di una persona).

Ad esempio, in molti Paesi del nord Europa, in cui il latte viene consumato regolarmente, l’intolleranza al lattosio (lo zucchero contenuto nel latte) è relativamente rara, mentre è molto comune nei Paesi dell’Europa meridionale e dell’Asia, in cui storicamente il consumo di latte non è altrettanto abituale.
Un giapponese che vive negli Stati Uniti e decide di iniziare a consumare latte, che molto probabilmente non compariva se non rarissimamente sulla tavola dei suoi genitori e nonni, probabilmente accuserà dei disturbi.

Che decidiate di consumare cibi contenenti lattosio, o cavolo riccio, quinoa o curcuma, dovrete comunque sempre chiedervi se questi alimenti erano tra quelli comunemente consumati dalla vostra famiglia, dai vostri genitori o dai vostri bisnonni.
Nel caso non fosse così, meglio evitarli o consumarli solo occasionalmente, perché possono dare origine a intolleranze (come appunto quella al lattosio, provocata dalla incapacità di scomporre il lattosio del latte), o autoimmunità come quella riscontrata in alcune persone che consumano cibi contenenti glutine (celiachia).

Benché il meccanismo non sia ancora chiaro, il consumo di cibi sbagliati potrebbe essere associato con parecchie malattie autoimmuni, tra cui il morbo di Crohn, la colite, il diabete di tipo I e molte altre.

Leggi anche:
Dieta della longevità, regola 1
Dieta della longevità, regola 2
Dieta della longevità, regola 3
Dieta della longevità, regola 5
Dieta della longevità, regola 6

Tratto dal libro “La dieta della Longevità” del Dott. Valter Longo. Guarda scheda su Amazon

Fa un regalo a tutti i tuoi contatti: condividi con loro le regole per star bene.
Carica gli articoli correlati
Leggi di più su Vivere Sani
Leggi di più in  longevità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Quali sono le proprietà della curcuma?

Quali sono le proprietà della curcuma? La curcuma, anche chiamata zafferano indiano o spez…