Home vivere sani longevità Come riuscire a mantenersi sempre giovani

Come riuscire a mantenersi sempre giovani

8 min read
0
0
518
Perchè invecchiamo? c'è modo di arrestare o ritardare l'invecchiamento?
Fa un regalo a tutti i tuoi contatti: condividi con loro le regole per star bene.

Mantenersi giovani

Proviamo ad osservare 10 bambini europei di 7 mesi, sdraiati uno accanto all’altro: noteremo tante similitudini e soltanto lievi differenze tra di loro.
Dieci fagottini con la pelle fine e il corpo rotondeggiante, tutto sommato molto simili tra di loro e piacevolmente sani.

Se però mettiamo a confronto dieci adulti di circa settantanni, è esperienza di ogni giorno che ognuno è molto differente dall’altro.
Ci sarà quello sportivo, ancora piuttosto atletico e giovanile; un altro più pingue e impacciato, magari con difficoltà respiratorie; un altro ancora paralizzato a letto a seguito di un ictus; uno calvo; uno con tanti capelli bianchi e così via.

Se osservate attentamente il modo in cui invecchiamo, noterete che talvolta l’invecchiamento è più biologico che anagrafico e che tre persone di 50, 60 , 70 anni potrebbero anche dimostrare età completamente differenti.
Abbiamo avuto l’esempio di ultracentenari come la regina madre di Inghilterra o il premio Nobel Rita Levi Montalcini che a 100 anni ne dimostravano poco più della metà.

Se volete approfondire l’argomento “Vivere Sani fino a 100 anni” del Dr. Roberto Antonio Bianchi su Amazon.

Perchè e come invecchiamo?

Come arrestare il processo di invecchiamento e diventare “inossidabili”?
In anni recenti, la scienza ha cominciato ad occuparsi assiduamente di questo argomento e sono tuttora in corso molti studi e ricerche.
Una disciplina moderna chiamata ossidologia si occupa specificatamente di studiare i radicali liberi e l’invecchiamento dei tessuti.

A questo punto è necessario approfondire il concetto di Ossidazione.

Quando tagliamo un frutto, dopo pochi minuti possiamo osservare superficialmente la comparsa di uno strato più scuro.
Questo fenomeno è conosciuto come ossidazione, un termine che deriva dall’antica parola greca oxus, ovvero “vino acido” o “aceto di vino”. infatti, quando resta esposto per troppo tempo all’aria, il vino si ossida e diventa acido. Di conseguenza, ossidarsi significa letteralmente “diventare acidi”.

In termini biochimici, l’ossidazione è semplicemente il processo che combina l’ossigeno con un’altra molecola, causando l’assorbimento di elettroni e la produzione di radicali liberi.
Come fossero dei piccoli magneti, i radicali liberi vanno costantemente alla ricerca di altre molecole a cui attaccarsi. Possiamo quindi definirli come veri e propri “squali molecolari” che danneggiano le molecole della membrana cellulare, i mitocondri (ovvero i centri energetici della cellula) e il DNA (l’intelligenza della cellula). I maggiori danni provocati dai radicali liberi consistono nella produzione dei legami crociati e nell’accelerazione dei processi di aterosclerosi.

I fattori che aggravano la produzione di radicali liberi sono: fumo, stress, radiazioni, diabete, amianto e sostanze tossiche in genere, pillola anticoncezionale, raggi UVA, sforzi fisici eccessivi, contaminanti alimentari, lesioni articolari e muscolari, inquinamento da metalli e idrocarburi, solventi, infiammazioni croniche e invecchiamento.

Tra le malattie causate dai radicali liberi ricordiamo: ictus, ulcera, cancro, senilità, diabete senile, morbo di Crohn, enfisema polmonare, aterosclerosi, arteriosclerosi, cardiopatie, morbo di Raynaud, malattia di Behcet, artrite reumatoide e cataratta.

Per approfondire l’argomento radicali liberi e sostanze antiossidanti leggi questo articolo.

Sebbene possa sembrare strano, ancora non sappiamo esattamente perché invecchiamo. Di fatto ci usuriamo. Spesso si parla di scalini di invecchiamento, ovvero periodi di stress e lavoro eccessivo, ma anche emozioni negative, alimentazione scorretta o sedentarietà, tutti fattori che accelerano la vecchiaia.
Pensate ai manager stressati dai debiti o anche al rapido declino a cui talune persone vanno incontro dopo il decesso del coniuge. Non è raro che marito e moglie muoiano a breve distanza di tempo l’uno dall’altro o che una persona deperisca molto più rapidamente dopo la perdita del proprio compagno.

Questo processo di “usura” può avvenire più o meno velocemente. Ma ecco una buona notizia: noi esseri umani abbiamo una incredibile capacità di auto-riparazione!

Se volete approfondire l’argomento “Vivere Sani fino a 100 anni” del Dr. Roberto Antonio Bianchi su Amazon.

Ringiovanimento

E c’è dell’altro; oltre a non invecchiare possiamo anche ringiovanire!
Tornare leggermente indietro nel tempo. Un oggetto non lo può fare, ma noi si!
Tutti avrete notato come dopo una bella vacanza, magari al mare o in un centro benessere, molte persone abbiano un aspetto più giovane e fresco, come siano più rilassate e toniche.
In una parola, esse ci appaiono rigenerate.
Quindi, se possiamo tornare indietro anche solo di poco, facciamolo! In che modo? Lo spieghiamo su questo blog.

L’invecchiamento è la somma di micro-invecchiamenti. Contrastare ciascun microinvecchiamento può allontanare la vecchiaia persino di vari anni.
Questo blog vi fornirà due insegnamenti preziosi:

a) come invecchiare il più lentamente possibile,
e
b) come ringiovanire!

Tratto ed ispirato da “Vivere Sani fino a 100 anni” del Dr. Roberto Antonio Bianchi

Fa un regalo a tutti i tuoi contatti: condividi con loro le regole per star bene.
Carica gli articoli correlati
Leggi di più su Vivere Sani
Leggi di più in  longevità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Quali sono le proprietà della curcuma?

Quali sono le proprietà della curcuma? La curcuma, anche chiamata zafferano indiano o spez…